Andrea Di Pietro (FDI): “dalla segnalazione del 2016 al Presidente Poma la situazione strade non è cambiata! Ora deve intervenire.”

CONDIVIDI
Andrea Di Pietro (FDI)

Ci risiamo! Non solo la strada incriminata, la Vigevano -Pavia, oramai celebre alle cronache, implora udienza all’Amministrazione provinciale da un tempo illimitato, ma, gli stessi guidatori seguitano a distruggere gomme e cerchioni di auto e motociclette, a fonte della propria incolumità personale. Proprio cosi’ perchè il tratto stradale che conduce nel pavese, quotidianamente trafficatissimo, è costellato da voragini di varia dimensione e profondità, dentro le quali, spesso e volentieri, si imbattono i poveri viaggiatori a bordo dei loro mezzi ed a causa delle quali si sono verificate in passato cadute rovinose di centauri ignari del pericolo ad attenderli, senza contare i continui esborsi di denaro per porre rimedio ai guai provocati dalle buche alle ruote dei veicoli. A nulla fin’ora sono servite le sollecitazioni accorate avvenute da privati o esponenti della politica locale, fra i quali spicca il nome di Andrea Di Pietro, trentottenne attivista vigevanese, Presidente e leader del Gruppo “Noi Repubblicani Popolo Sovrano di Vigevano” nonché Responsabile regionale presso il Partito di Fratelli d’Italia, il quale, già nel 2016 affronto’ il problema di petto,

inoltrando specifiche segnalazioni al Presidente della Provincia di Pavia, Vittorio Poma, competente in materia, comunicazioni nelle quali si potevano evincere chiaramente le condizioni pessime in cui versavano e versano tutt’oggi le strade verso il pavese. Un conglomerato botuminoso, ossia il comune asfalto, di qualità scadente, cedevole , che rammollisce oltre il normale sotto la calura o comunque, questo è l’effetto sortito fino all’attualità dei fatti. Una disseminazione di cavità, incontrate dai poveri viaggiatori, per evitare le quali si trovano costretti a procedere praticando uno slalom snervante come se si trovassero nella realtà virtuale di un gioco tridimensionale ad effetti speciali. Dalla Provincia nessun interessamento è mai giunto. Dallo stesso Presidente Poma, nessuna riposta, né diretta né indiretta. Cio” è grave considerando il denaro destinato annualmente alla Provincia dal Comune vigevanese. Intanto pochi giorni fa, ad “Inciampare” in uno di questi profondi avvallamenti è toccato proprio all’esponente di Fratelli d’Italia, colui che più d’altri, s’era battuto per sollecitare il ripristino di un manto stradale dignitoso. Senza contare i danni subiti dalla sua autovettura ed il conto salato di cui dovrà farsi carico.

BUCA

Andrea Di Pietro, nell’ultimo periodo, aveva rispolverato la questione “Strade”, determinato a pretendere interventi, percio’ aveva in programma, prima del verificarsi dell’incidente, un reportage in vespa, con il preciso scopo di documentare, in seconda battuta ed in maniera risolutiva, la pericolosità della Vigevano – Pavia , dimostrando quali e quanti dissesti si presentano ai viaggiatori, facendo leva oltretutto, sul rischio maggiormente corso per chi è in sella alla due ruote. Quando si dice, la sorte mette lo zampino…. cosi’ oggi Andrea Di Pietro,dopo la sua personale vicissitudine, rivolge un accorato invito al Presidente della provincia di Pavia, Vittorio Poma, ad accompagnarlo nella realizzazione di questo documentario su ciclomotore. Un esperienza diretta dalla quale si potrà vivere a pieni brividi cosa significhi, oggi, viaggiare fra uno slalom e l’altro, nell’incertezza di giungere senza danni fisici o materiali alla meta della città universitaria. Almeno questa volta ci si attende una risposta, un interessamento, o meglio,un intervento concreto a rimedio di questa disagevole realtà.

Stefania N. Oldani

Articolo scritto da Stefania Nausica Oldani
https://www.facebook.com/nausica.vigevano